Sangiovese di Romagna

Prodotto in Romagna, nei territori appartenenti alle province di Bologna, Forlà¬-Cesena, Ravenna e Rimini, il Sangiovese di Romagna ha ottenuto il DOC con D.P.R. del 9 luglio 1967.

Il vino prodotto da vitigno Sangiovese si suddivide in quattro categorie principali:

  • Sangiovese di Romagna
  • Sangiovese di Romagna Novello
  • Sangiovese di Romagna Superiore
  • Sangiovese di Romagna Riserva

La Denominazione di Origine Controllata Sangiovese di Romagna prevede l’uso di uve sangiovese in misura non inferiore all’ 85%. Il restante 15% può essere rappresentato da uve a bacca rossa provenienti da vitigni romagnoli.

Caratterizzato da un colore rosso rubino con riflessi violacei, il Sangiovese di Romagna è un vino dal sapore secco, asciutto, leggermente tannico e vinoso, con note leggermente amarognole al retrogusto.

All’ olfatto ripropone i profumi tipici della sua terra: frutti rossi come le ciliegie e fiori di campo come le viole e le violette. Meritano un’ attenzione particolare il Sangiovese di Romagna Superiore e il Sangiovese di Romagna Riserva.

Il Sangiovese di Romagna Superiore si caratterizza per una gradazione minima naturale del 12% e per la sua immissione al consumo che avviene solo dopo il 1° Aprile dell’ anno successivo a quello di produzione delle uve.

Il Sangiovese di Romagna Riserva è il più maturo dei Sangiovesi di Romagna: il processo di invecchiamento richiesto per l’ ottenimento della denominazione “Riserva” non può essere inferiore ai due anni.

Ideale per accompagnare piatti a base di carne o primi piatti a base di sfoglia tirata a mano, il Sangiovese di Romagna si sposa perfettamente anche con i prelibati salumi prodotti in regione: prosciutto crudo, culatello, coppa, salame felino.

Il novello si beve generalmente in abbinamento alle castagne: ottimo con i tortelli ripieni di purea di castagne e miele.

Lascia un Commento