Nero di Troia

Vino tipico del Gargano, il Nero di Troia è stato ultimamente rivalutato. Ottenuto da uve di Troia, località  dell’ entroterra garganico, il Nero di Troia è un vino rosso menzionato tra i vini più antichi della regione Puglia.

Grazie al grande interesse mostrato dall’ enologia internazionale verso le produzioni vinicole autoctone, i vini pugliesi sono riusciti a conquistare una posizione di grande rilievo tra i vini tipici dello Stivale.

Il vitigno Nero Troia, contraddistinto dall’ elevato carattere tannico delle sue uve, si presta benissimo alla commistione con altri vitigni locali: dall’ integrazione del vitigno Nero di Troia con i vitigni Montepulciano e bombino bianco, nasce il famoso Cacc’e Mmitte di Lucera, un vino dal sapore deciso che si accompagna perfettamente ai piatti più saporiti della tradizione culinaria pugliese.

Le uve Nero di Troia conferiscono al vino del Gargano un colore rosso rubino intenso e un profumo fruttato che ricorda le bacche selvatiche del Parco Nazionale del Gargano che incontrano l’ inebriante essenza di zagare sprigionata dalle piantagioni di agrumi che dominano le colture della zona.

Rispecchiando a pieno il carattere della sua terra, il vitigno Nero di Troia, dona ai vini del Gargano un sapore particolarmente deciso, tannico, dolce e allo stesso tempo agrumato, quindi arricchito da note leggermente aspre.

Il posto migliore per degustare questo vino è certamente la terra dalla quale esso nasce: il Gargano.

Vi consigliamo una vacanza in un hotel o in uno degli eleganti residence Gargano: durante la permanenza, oltre a godere del meraviglioso paesaggio, del mare cristallino, del sole sempre alto e cocente, potreste ripercorre le strade della gastronomia pugliese all’ interno dei piccoli ristorantini tipici diffusi sul territorio.

Tra primi piatti a base di pasta fresca, pesce freschissimo, olio d’ oliva dop e vino ottenuto da uve Nero Troia, farete la gioia dei vostri palati.

10 Responses to “Nero di Troia”

  1. ma troia non è nel gargano ma nel subappennino!!!
    quindi anche il vino???

  2. Alberto, ti ringraziamo della precisazione.

    In effetti, avremmo dovuto collocare Troia nel territorio dell’ Appennino Dauno.

    Se abbiamo scelto di collocarla (erroneamente) tra i territori che fanno parte del Gargano è solo perchè ritenevamo di dare un riferimento più facilmente riconoscibile ai nostri lettori.

    Evidentemente avevamo torto 😉

    Grazie ancora e a presto.

  3. 2 Settimane fa ero ad Otranto ed ho potuto assaporare un buonissimo Nero di Troia…

    devo dire che è buonissimo… Peccato che qui al nord non si trovi… Lo sto cercando “in ogni dove”… 🙂

  4. ma lorigine del vitigno è grego…..
    quindi uva di troia della magna grecia!

  5. ciao Mia madre è di troia conosco il vino sin da bambina certo vivendo in sardegna non si riesce a trovare una bottiglia nemmeno a pagarla fior di euro.
    Quindi mi auguro presto di poterlo vedere ovunque e comunque il modo per gustarlo meglio è fare un giro per la città  di troia,oltre ad avere del buon vino ci sono anche delle belle cose da visitare.ciaoooooooo

  6. per chi lo gradisse sono in contatto con una azienda vinicola pugliese che produce un ottimo nero di Troia.
    potete contattarmi sulla email
    grazie
    M.

  7. Ho avuto modo di gustare un eccellente nero di Troia a Pedaso(FM) e vorrei acquistarne alcune casse ma non riesco a trovarlo. Il ristoratore l’aveva finito.

  8. Guardate che la Troia del vino non è quella in provincia di Foggia, bensଠquella di omeriche avventure! La leggenda vuole che questo vitigno sia stato portato da Diomede stesso direttamente da Ilio e piantato con successo nei cosiddetti “Campi Diomedei” ovvero la valle dell’Ofanto. Se si vuole dare un luogo di coltivazione, qualsiasi parte della Puglia va bene, ma se si vuole dare a questo vino un territorio chiave di svviluppo allora resta soltanto Canosa di Puglia.

  9. mia madre è nata a Troia e mio nonno coltivava le uve per farne vino senza aggiunte di additivi chimici e con grande passione, mi fa piacere che ora abbia trovato una meritata collocazione tra i vini di pregio; devo precisare che Troia si trova su una piacevole collina dal clima secco e ventilato, privo di smog. Pregevole cattedrale romanica…ma non è affatto sul Gargano bensଠnella Daunia ad una mezz’ora d’auto dal Gargano. Al supermercato Cidac di Aosta lo vendono.

  10. Produzione 6\7 cento q nero di troia struttura a spalliera prossima a divenire produzione biologica cerco acquirenti

Lascia un Commento